Responsabilità sociale

"Il vero progresso, è la tradizione che continua"

La Fondazione Théa si propone di promuovere o assistere iniziative di interesse generale o umanitario volte a combattere la cecità e migliorare la salute oculare.

Cecità e problemi visivi

Fatti principali (cifre OMS 2017)

  • Si stima che 253 milioni di persone vivono con problemi alla vista: 36 milioni sono ciechi e 217 milioni hanno disturbi della vista da moderati a severi
  • L'81% delle persone non vedenti o con deficit visivo moderato o grave ha un'età pari o superiore a 50 anni
  • Globalmente, le malattie croniche dell'occhio sono la causa principale della perdita della vista. Errori di rifrazione non corretti e quindi cataratta non operata sono le prime due cause di compromissione della vista. La cataratta non operata rimane la principale causa di cecità nei paesi a basso e medio reddito.
  • La prevalenza di malattie infettive degli occhi, come il tracoma e l'oncocercosi, si è ridotta significativamente negli ultimi 25 anni.
  • Oltre l'80% di tutti i deficit visivi può essere prevenuto o curato

La Fondazione Théa, fondata nel 2012, si basa su una lunga tradizione filantropica.

Paul Chibret (1844-1911) contrasse il tracoma nel Nord Africa, infezione che lo lasciò quasi cieco. A seguito di questo problema, dalla fine del XIX secolo, si dedicò all’oftalmologia e allo studio del tracoma.

Sostenitore dell'internazionalizzazione della conoscenza scientifica, Paul Chibret fondò nel 1883 la Società francese di oftalmologia (SFO).

Tutti i discendenti di Paul Chibret si dedicarono, ognuno a modo loro, alla lotta contro il tracoma e alla diffusione della conoscenza oftalmologica. Dopo la seconda guerra mondiale, Jean Chibret (1915-1989) sostenne attivamente la lotta contro il tracoma nei paesi del Magreb. Allo stesso tempo, inaugurò il più grande centro a livello mondiale di documentazione per l'oftalmologia, con la partecipazione di giovani specialisti di tutto il mondo (Institut Chibret).

Alla morte di Jean e Jacques Chibret, Henri Chibret creò la "Jean and Jacques Chibret Foundation" che offre borse di formazione allo IOTA (Istituto di Oftalmologia tropicale dell'Africa) a Bamako, Mali.

All'interno di Laboratoires Théa, Henri e Jean-Frédéric Chibret, continuano a sostenere la tradizione familiare grazie all’erogazione di borse di studio, alla formazione medica continua, alle donazioni umanitarie, sostenendo l’accesso all'assistenza sanitaria per le popolazioni più vulnerabili e promuovendo la condivisione delle conoscenze scientifiche.

La Fondazione Théa

Un'azione sostenibile contro il tracoma

L’intervento della Fondazione Théa nel Nord del Camerun ha le sue origini quasi vent'anni fa.

Siamo a metà degli anni '90, quando l'Alleanza dell'OMS definisce la “strategia SAFE”, con l’obiettivo di eliminare globalmente il problema del tracoma entro il 2020. Questa strategia combina misure mediche e chirurgiche e, al fine di stabilizzare ed estendere il loro impatto, un’azione di educazione alla popolazione sull'igiene oculare. Per l'OMS, la terapia antibiotica rimane cruciale ed ecco perché nel 1997, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha inviato una richiesta urgente all'industria farmaceutica. Per la lotta al tracoma nei paesi disagiati, l'OMS chiede lo sviluppo a breve termine di un collirio antibiotico topico. Laboratoires Théa risponde a questa richiesta e così nel 1999 comincia un lungo sviluppo di un nuovo collirio: la ricerca dura 8 anni a causa degli studi clinici e di registrazione, ma anche a causa delle difficoltà tecniche relative al dosaggio. La seconda parte dell'avventura inizia nel 2008.

2.160.000 dosi di questo nuovo prodotto antibiotico sviluppato da Laboratoires Théa, sono trasportate e somministrate da operatori sanitari in tre campagne nel distretto di Kolofata, nel nord del Camerun. 115.000 persone vengono trattate con questo collirio.

Perché Kolofata? Perché questa città che si trova nel nord del paese, ha sempre pagato un caro prezzo a causa delle malattie oculari; inoltre una ricerca di tre anni prima, condotta dagli “oculisti senza frontiere” impegnati nel programma nazionale contro la cecità in Camerun, dimostrava che la prevalenza del tracoma in questa regione era stimato al 21% nei bambini di età compresa tra 1 e 10 anni.

Il trattamento antibiotico che è stato sviluppato è straordinariamente breve, è necessaria la somministrazione in tre giorni, mattina e sera. I dati hanno dimostrato che un anno dopo la terza campagna, la prevalenza del tracoma è scesa fino al 3%.

Nel gennaio 2013, tre anni dopo l'ultima campagna di trattamento, una squadra della Fondazione Théa, accompagnata da Jean-Frédéric Chibret, è tornata in Camerun per valutare l'opportunità di una campagna complementare.

Valutazione di quest'indagine: il rapporto di missione del Dr Abdou ha stimato la prevalenza di forme attive di tracoma al 5,2%. La tolleranza del trattamento fornito era eccellente senza effetti secondari oculari o sistemici seri. Alcuni villaggi richiedono tuttavia un'azione mirata.

La Fondazione Théa prevede di trattare 15.000 persone attraverso l’associazione oculisti senza frontiere. Una cosa è certa, i risultati ottenuti a Kolofata suggeriscono che il tasso di infezione sarà presto diminuito, fino al raggiungimento della soglia al di sotto della quale la malattia non sarà più endemica.

Ad oggi il trattamento è stato effetuato in Camerun, ma l’obiettivo è di effettuare campagne in altre aree iperendemiche.

 

Perché una fondazione aziendale?

di Henri e Jean-Frédéric Chibret

"La straordinaria forza d’animo del nostro antenato Paul Chibret, ha sempre avuto la nostra ammirazione: un giovane medico militare e oftalmologo, che partì per l’Algeria nel 1870 e lontano dalla sua regione d’origine, per alleviare la sofferenza umana e dedicarsi alla lotta al tracoma. È per noi un grande antenato, uno dei precursori dell’azione umanitaria internazionale. Il suo pensiero, la sua forte volontà e la sua filosofia centrata sull’impegno etico, hanno ispirato le cinque generazioni della famiglia.

L’azione a sostegno della salute oculare nei paesi disagiati, è diventata una tradizione familiare. Dopo Paul, c’è stato Henri, Jean, Jacques Chibret, protagonisti di una grande avventura industriale focalizzata nella ricerca, nello sviluppo e nella commercializzazione di prodotti oftalmici. Un’avventura che stiamo perseguendo con Laboratoires Théa, diventato oggi il principale gruppo indipendente europeo in oftalmologia. La nascita della Fondazione Théa nel 2012, è il culmine di un impegno secolare, continuando così la nostra azione filantropica e innovativa nella lotta contro la cecità e il sostegno della salute oculare grazie alla partecipazione a campagne per combattere le malattie oculari e al supporto della formazione dei medici.

Milioni di persone soffrono ancora di disabilità visive in tutto il mondo. La maggior parte di loro vive in paesi in via di sviluppo, tuttavia, l'80% di queste disabilità può essere prevenuto o curato. È un problema colossale di salute pubblica e devono essere intraprese azioni che permettano a queste popolazioni di sopravvivere e di svilupparsi economicamente.

150 anni fa, Paul Chibret ci ha mostrato la strada. Oggi per noi è un dovere e una gioia perseguirla."

Fondazione

Comitati e membri

Fondazione ThéaLa Fondazione Théa è amministrata da un consiglio di amministrazione, presieduto dal professor Serge Resnikoff e composto da cinque membri, che comprendono:

  • Per due terzi (cioè tre persone): il collegio dei rappresentanti e rappresentanti del personale del Fondatore

  • E per almeno un terzo (due persone): il collegio di persone qualificate nelle aree di intervento della Fondazione Théa

Sotto la responsabilità del Consiglio di amministrazione, opera un Comitato Scientifico che è responsabile della revisione e selezione dei progetti o azioni che rientrano negli obiettivi della Fondazione Théa o che la Fondazione sostiene.

Accesso alla formazione

Promuovere l'educazione medica di qualità

Una delle due priorità della Fondazione Théa, è quella di consentire a medici e infermieri dell'Africa francofona e di lingua portoghese, di avere la possibilità di formarsi nel proprio paese o nei servizi francesi o internazionali più performanti e così garantire che l'esperienza acquisita, dia beneficio alle popolazioni locali.

Una delle due priorità della Fondazione Théa, è quella di consentire a medici e infermieri dell'Africa francofona e di lingua portoghese, di avere la possibilità di formarsi nel proprio paese o all’estero nelle strutture più performanti e così garantire che l'esperienza acquisita, dia beneficio alle popolazioni locali.

Esempi di azioni supportate:

  • Formazione delle squadre di Oculisti senza frontiere, il nostro partner nella lotta contro il tracoma nel Nord del Camerun
  • Supporto del "Teaching the Teacher " programma del Consiglio internazionale di Oftalmologia (ICO) per migliorare la formazione in Oftalmologia al fine di soddisfare il crescente bisogno di cure oculari nell’Africa francofona.
  • Formazione di medici e responsabili tecnici dei tre distretti del paese Dogon (Mali) nella cura primaria degli occhi, in collaborazione con la Fondazione spagnola "gli occhi del mondo " (Ojos del Mundo Fundacion).
  • Formazione di un medico al Bethesda Hospital di Cotonou, in chirurgia della cataratta presso la facoltà di medicina di Conakry (Guinea).
  • Formazione in chirurgia orbitale e orbitoplastica negli ospedali di Madurai (India)
  • Addestramento dei farmacisti del continente africano nella preparazione di ciclosporina, un immunosoppressore utile nell’ambito degli innesti.
  • Finanziamento di campagne di sensibilizzazione per combattere il tracoma nelle scuole algerine.
  • In futuro, la formazione di oftalmologi africani attraverso l’utilizzo di un simulatore chirurgico a Clermont-Ferrand.

Progetti sostenuti dalla Fondazione

Se stai portando avanti un progetto per promuovere o aiutare in Francia e all'estero iniziative di interesse generale o scopi umanitari per combattere la cecità e migliorare la salute degli occhi, puoi sottoporre il tuo progetto che sarà esaminato dagli organi direttivi della Fondazione Théa purché sia in linea agli obiettivi e alle priorità della Fondazione.

La valutazione del progetto sarà a livello operativo e finanziario, con particolare attenzione che il progetto preveda il coinvolgimento di persone a livello locale e che contribuisca al rafforzamento delle loro capacità e all’impatto sociale che potrebbe avere sul territorio.

In occasione del suo primo incontro, il 27 aprile 2012 a Parigi, il comitato scientifico della Fondazione Théa ha definito i criteri che verranno utilizzati per selezionare i progetti e le priorità della Fondazione, ovvero azioni riguardanti:

  • I paesi dell'Africa francofona e portoghese
  • Controllo del trachoma / la formazione

Queste priorità sono state confermate dal comitato scientifico nell'ultima riunione del 10 giugno 2017.

Per saperne di più

Il nostro sito usa cookie per offrire una migliore fruibilità di navigazione inclusi cookie "terze parti" e di profilazione per l'invio di comunicazioni commerciali in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui